MOLINI DI VOGHERA, DAL 1610. Una tradizione secolare.

Una storia ineguagliabile lunga oltre 400 anni. È il 7 febbraio 1610 quando Filippo III di Spagna concede la licenza di macinazione al Molino delle Quattro Ruote. Nel 1954 si costituisce una nuova società con la ragione sociale “Molini di Voghera SPA”.

La storia di Molini di Voghera nasce sul torrente Staffora, le cui acque che sgorgano dalle falde del monte Chiappo rappresentavano la linfa vitale dell’attività molitoria del vogherese. Attraverso i secoli la proprietà del molino passa nelle mani di diverse famiglie, fra cui la famiglia Gallini della cui discendenza è noto il commendator Carlo, fondatore del Pio Istituto Agricolo Vogherese che ne porta il nome.

Oggi Molini di Voghera è una realtà solida e affermata, vicina agli agricoltori, al territorio e ai propri clienti. Che privilegia da sempre la genuinità del prodotto attraverso l’attenta selezione delle materie prime. Efficiente nella logistica, rapida nelle risposte, efficace nei risultati. Ma soprattutto un’impresa di persone che da sempre fanno il proprio lavoro con attenzione, dedizione e amore per la farina. Il capo mugnaio seleziona i migliori grani che miscela sapientemente per dare equilibrio ed elasticità alla farina.

Una realtà produttiva in costante crescita. Lo stabilimento originario è stato infatti ampliato nel corso degli anni e sempre aggiornato con le migliori tecnologie. Nel 2007, vengono ultimati i nuovi silos in cemento armato per una migliore coibentazione del frumento. La capacità di stoccaggio arriva così a oltre 70.000 quintali di grano suddivisi in 60 celle che permettono di stoccare e separare le diverse partite di grano degli agricoltori locali. A gennaio 2014 entra in funzione il nuovo reparto dedicato alla logistica.

L’impianto è stato progettato con un diagramma lungo, nell’ottica di privilegiare la qualità rispetto alla quantità. La macinazione è lenta: i laminatoi lavorano ad una velocità ridotta per non surriscaldare il prodotto e preservarne al meglio le caratteristiche.

Clicca qui per leggere la storia dei Molini di Voghera »